Come gestire mille progetti, portandoli a termine con efficacia ed efficienza grazie al metodo Lean

Come gestire mille progetti, portandoli a termine con efficacia ed efficienza grazie al metodo Lean

Se usate il numero di progetti aperti come scusa per i ritardi, questo è il momento giusto per smettere. La sfida è imparare a stratificarli e assegnarli, per poi fare il giusto coaching affinché vengano affrontati nel modo corretto.


Autore: Matteo Consagra, Lean Coach, Istituto Lean Management.


Cosa accomuna tutti i nostri clienti (e probabilmente anche la vostra organizzazione)?

Nella maggior parte delle organizzazioni con le quali abbiamo collaborato e collaboriamo, una delle costanti è l’impossibilità di concludere con successo e nei tempi previsti l’enorme numero di progetti di miglioramento e di problemi che vengono affrontati ogni giorno.

Ma è proprio vero che si debbano affrontare tutti? E soprattutto di chi è la responsabilità dello sviluppo del progetto?

È tempo di ribaltare (nel vero senso della parola) alcune concezioni radicate su chi e come sia deputato a risolvere i problemi nell’organizzazione.


Due diversi approcci alla risoluzione dei problemi

1. APPROCCIO CLASSICO

Nell’approccio classico, quando emergono i problemi, sono i Capi a risolverli o a sviluppare i progetti per trovare una soluzione e migliorare i processi.

Questo porta ovviamente ad un sovraccarico e quindi ad un rallentamento di tutta l’organizzazione (avete presente i colli di bottiglia?).

In questo approccio, poi, i problemi ed i relativi progetti non arrivano in modo ordinato e al momento giusto, ma esplodono nel momento meno opportuno e tutti assieme, per la famosa legge di Murphy.

Anche la comunicazione nei momenti di emergenza diventa difficile: spesso, quindi, ci troviamo davanti a progetti con nomi diversi, ma che hanno tutti l’obiettivo di risolvere lo stesso problema.
Il risultato? Inutili sovrapposizioni ed ulteriore confusione.

2. NUOVO APPROCCIO: DECLINAZIONE DELLA STRATEGIA

Cosa bisogna fare per ribaltare questo sistema?

  • Assegnare la risoluzione del problema in modo strutturato.
  • Responsabilizzare i livelli più periferici dell’organizzazione.

L’assegnazione strutturata dei problemi è un processo che nel mondo Lean si chiama HOSHIN KANRI, comunemente tradotto come declinazione della strategia.

Significa assegnare al giusto livello nell’organizzazione (là dove il processo da migliorare avviene) la risoluzione del problema o lo sviluppo del progetto.

Il responsabile, quindi, seguendo un approccio strutturato si assicurerà che vengano prese le decisioni giuste, supportato da chi gli ha assegnato la risoluzione del problema/sviluppo del progetto attraverso un percorso di coaching.

Questo approccio trasforma una massa di progetti in una successione di progetti stratificati al giusto livello dell’organizzazione.

Quindi, per ogni livello, il carico si riduce e può essere più facilmente ed efficacemente gestito.



AUTORE

Matteo Consagra, Lean Coach, Istituto Lean Management


I nostri articoli mirano a contribuire alla diffusione dei concetti Lean. Crediamo che il pensiero snello e la pratica possano aiutare a “fare sempre meglio”.

Se hai bisogno anche tu di migliorare l’efficienza nella gestione dei progetti e dei problemi nella tua organizzazione, i programmi di formazione Lean Practitioner Program e Lean Professional Program ti daranno le indicazioni per come riorganizzare la declinazione della tua strategia.

contattaci cliccando qui oppure scrivici a: info@istitutolean.it

Se vuoi leggere ulteriori articoli di approfondimento sulle tematiche lean e rimanere aggiornato sulle attività dell’Istituto Lean Management  iscriviti alla nostra Newsletter compilando il modulo qui sotto.

Articolo precedente
Dieci problemi di pianificazione strategica che Hoshin Kanri può risolvere
Articolo successivo
Lean & Win: a new way of life for PMI – Evento On-line Gratuito

Post correlati

Menu