Cos’è Kaizen

Lean Thinking . Esaminiamo l’approccio più efficace al miglioramento snello – Kaizen.

Cos’è Kaizen

Lean Thinking . Esaminiamo l’approccio più efficace al miglioramento snello – Kaizen 



Il pensiero snello ci insegna la natura continua e iterativa del miglioramento: esiste sempre un modo migliore di fare le cose ed è nostro dovere come lean practitioners impegnarci per un processo sempre migliore scavando sempre negli sprechi.

Strumento di miglioramento per eccellenza è il Kaizen . Il Lean Lexicon lo definisce come:

miglioramento continuo di un intero flusso di valori o di un singolo processo per creare più valore con meno sprechi.

Questo concetto è diventato così popolare che non è raro incontrare persone che non hanno mai sentito parlare di lean ma sono consapevoli di cosa sia il kaizen. La parola – proprio come “Google” – è persino usata come verbo (come in “Abbiamo semplificato il processo”).


DEFINIZIONE DI KAIZEN

Semantica a parte, in cosa consiste il kaizen?

Secondo Mike Rother e John Shook, ci sono due livelli di kaizen:

  1. Kaizen di sistema o di flusso focalizzato sul flusso di valore complessivo. Questo è il kaizen per la gestione.
  2. Kaizen di processo focalizzato sui singoli processi. Questo è il kaizen per il team di lavoro e i team leader.

Per sapere quali problemi stiamo per “attaccare” con i nostri sforzi kaizen, in genere è molto utile iniziare con un‘analisi del flusso di valori: non esiste uno strumento migliore per mappare il processo e identificare i punti deboli al suo interno.

I kaizen non devono essere complicati o costosi. In effetti, alcuni dei miglioramenti più efficaci sono quelli che non costano nulla.

Un altro grande esempio di creatività applicata al miglioramento è il karakuri kaizen, che consiste nello sviluppo di apparecchiature che non necessitano di alimentazione per funzionare ed è comunemente utilizzato in Toyota come metodo per incoraggiare le persone a trovare soluzioni migliori ai problemi sulla linea.


UN ALTRO PER LA LEADERSHIP

Come la maggior parte degli strumenti lean, il kaizen può essere applicato in qualsiasi ambiente.

Theodo, una società di software, lo ha reso il suo metodo ideale per un ridimensionamento efficace. Il CTO Fabrice Bernhard afferma: “Kaizen è ora l’approccio che utilizziamo su tutti i progetti di ridimensionamento, per mantenere velocità e qualità oltre la fase MVP. Abbiamo osservato che i team che si impegnano in buoni kaizen hanno ottenuto risultati impressionanti, trovando nuove idee intelligenti per affrontare i bug, migliorare le prestazioni e aumentare la sicurezza “.

Fabrice ed il CEO Benoît Charles-Lavauzelle sono stati ispirati a portare i kaizen in Theodo dopo averli visti in azione in una fabbrica in Giappone. La loro prima esperienza di kaizen ha comportato l’utilizzo per ridurre i tempi di caricamento della pagina.

Benoît spiega come il kaizen inizi davvero con il coinvolgimento e la capacità della leadership di comprendere quali problemi devono essere risolti per dare all’azienda un vantaggio competitivo. Dice: “Abbiamo appreso che i veri kaizen richiedono prima di tutto la leadership per capire quali problemi tipici – quelle cose” difficili da fare “- faranno la differenza competitiva e quindi comunicheranno ai team, al fine di coinvolgere il loro talento e passione nel trovare modi creativi per fare meglio le cose. Kaizen non può essere programmatico.”

In questo senso, la comprensione dei problemi dei clienti e il kaizen vanno di pari passo. E ha senso: come pensatori snelli, la nostra prima preoccupazione dovrebbe essere sempre quella di migliorare il nostro processo per i nostri clienti.

Anche Tokheim, società italiana che fornisce assistenza per le stazioni di servizio, ha intrapreso una trasformazione lean. Il loro management team sembra essere d’accordo con Theodo sul fatto che kaizen abbia tracciato un chiaro percorso verso l’innovazione.

Scrivono: “Lean ci offre un sistema per sviluppare continuamente tutti, e cerchiamo di promuovere le persone che escogitano i modi più inaspettati ed efficienti per risolvere problemi concreti. In questo senso, ora vediamo lean, con tutti i suoi strumenti tecnici, essenzialmente come un sistema di gestione dei talenti. Il talent spotting si verifica durante la risoluzione dei problemi e il kaizen. ” […] “Ora vediamo l’innovazione come la soluzione dei problemi per i nostri clienti e per noi stessi identificando gli sprechi chiave e chiedendo alle persone di pensare in modo creativo su come eliminarli.” E come possiamo eliminare nuovamente i problemi? Attraverso kaizen!


IL PROCESSO DI KAIZEN

Nel tempo, il kaizen è stato “confezionato” e descritto in diversi modi.

Ci sono eventi kaizen, blitz Kaizen e settimane kaizen … e probabilmente qualche altro che stiamo dimenticando di menzionare. Queste definizioni tendono a concentrarsi sulla durata dell’attività di miglioramento (alcuni lo riterrebbero superfluo, dato che la natura del miglioramento è continua nel pensiero snello).

La durata di un “evento” kaizen è interamente situazionale ed è molto più utile parlare di kaizen come cultura. È fondamentale concentrarsi sul pensiero e sui comportamenti necessari per creare un ambiente in cui le persone si sentano a proprio agio nel sollevare problemi, incoraggiati ad analizzarli in profondità e liberi di suggerire contromisure.

Questo è il vero fattore abilitante del kaizen!


GUARDA IL VIDEO



 

I nostri articoli mirano a contribuire alla diffusione dei concetti Lean. Crediamo che il pensiero snello e la pratica possano aiutare a ” fare sempre meglio”.

 

Per ulteriori informazioni contattaci cliccando qui oppure scrivici a: info@istitutolean.it

Se vuoi leggere ulteriori articoli di approfondimento sulle tematiche lean e rimanere aggiornato sulle attività dell’Istituto Lean Management  iscriviti alla nostra Newsletter compilando il modulo qui sotto.

Articolo precedente
Quale mercato e quale industria delle costruzioni serve al Nord Est? Webinar Gratuito
Articolo successivo
Sei pratiche Toyota per “guidare” con rispetto

Post correlati

Menu